CE – AAL -Ambient Assisted Living – ICT-based solutions for supporting Occupation in Life of Older Adults – Invito a presentare proposte

Deadline 2013-04-30


E’ stato pubblicato il sesto invito a presentare proposte per il programma comunitario Ambient Assisted Living (AAL) Joint Programme: “ICT-based Solutions for supporting Occupation in Life of Older Adults”

Si ricorda che programma AAL JP è finalizzato al co-finanziamento di progetti europei di ricerca collaborativa, orientata al mercato, per il miglioramento della qualità di vita delle persone anziane e per il rafforzamento della base industriale europea attraverso l’impiego delle ICT (Information and Communication Technologies).

Questo bando ha l’obiettivo di sviluppare soluzioni ICT che permettano alle persone anziane di gestire la propria attività – al lavoro in ufficio, in fabbrica o qualunque ambiente di lavoro, all’inizio dell’attività lavorativa o avanti nella carriera, nel caso di impieghi retribuiti o su base volontaristica comprese le attività sociali locali- preservando la salute e la motivazione a rimanere attivi.

Si intende un’attività, retribuita o meno, che sia di beneficio per la comunità, la società e l’economia. Specificamente sono cercate soluzioni ICT che promuovano, migliorino e sostengano:
-attività retribuite (es. professionale, imprenditoriale etc.)
-attività non retribuite ( es. volontariato, condivisione di conoscenze, assistenza e orientamento)

Le proposte devono avere una chiara dimensione europea in grado di offrire soluzioni applicabili in Europa, di carattere transnazionale.

I progetti proposti potrebbe essere relativi ad esempio, ma non limitati, alle seguenti applicazioni:

-adeguare le modalità di lavoro pensando a nuovi concetti per sistemi flessibili in un mercato di lavoro dinamico al fine di mantenere i lavoratori senior motivati e attivi nel lavoro o in altre attività significative
-sviluppare, adattare e/o ri-progettare il luogo lavorativo in base all’età e alla salute e alle condizioni ambientali
-affrontare strategie o processi (es. stress, gestione del tempo etc.) e tecnologie (es. per la gestione di cose pesanti) che consentano ai lavoratori senior di adattarsi fisicamente e cognitivamente alle loro funzioni (es. sul lavoro, in attività comuni o in organizzazioni di volontariato) e conservano la qualità di vita
-migliorare gli stili di vita lavorativi e conservare la salute (es. personal risk assessment) e favorire i cambiamenti comportamentali (es. tramite smart advisory tools)
-strumenti formativi sulla base delle capacità fisiche e le richieste di uso interno/esterno
-sviluppo di strumenti per lo studio e la formazione di lavoratori senior
-trasferimento intergenerazionale delle conoscenze per usare le competenze e le capacità sulla base dell’esperienza.

ATTENZIONE: a livello nazionale la proposta deve essere presentata da una o più imprese, anche congiuntamente con una università o un ente pubblico di ricerca, a condizione che l’impresa abbia una partecipazione finanziaria al progetto superiore al 50%.

PARTENARIATO – Il Consorzio proponente dovrà essere composto da almeno 3 organizzazioni indipendenti, aventi sede in tre differenti Paesi membri del programma AAL.
Il Consorzio dovrà comprendere almeno un partner industriale.
Il Consorzio dovrà comprendere almeno una SME, che potrà essere considerata come il partner industriale.
Il Consorzio dovrà comprendere almeno una organizzazione di utenti finali.
Grandezza del consorzio: 3 – 10 partner.
Durata del progetto: 12 – 36 mesi.
La proposta deve essere conforme per struttura e dettagli tecnici alle specifiche previste.

PAESI MEMBRI DEL PROGRAMMA – Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Israele, Spagna, Francia, Italia, Cipro, Lussemburgo, Ungheria, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Svezia, Regno Unito, Norvegia e Svizzera oltre alla stessa Commissione Europea.

BILANCIO DISPONIBILE – Il contributo finanziario disponibile è pari a 41.762 milioni di Euro, dei quali 19.462 milioni di Euro messi a disposizione dalla Commissione Europea.

TIPOLOGIA DI PROGETTI – I progetti collaborativi hanno l’obiettivo di fornire soluzioni basate sull’ICT per le esigenze individuate dagli utenti finali in una prospettiva orientata al mercato (massimo 2/3 anni dopo la fine del progetto). Mediamente ogni progetto potrà avere un bilancio totale compreso fra 1/7 milioni di euro. Il finanziamento massimo da parte del programma sarà pari a 3 milioni di euro.
È incoraggiato il significativo coinvolgimento di partner industriali e commerciali, in particolare le SME. Il budget/impegno dei partner industriali e commerciali deve essere in totale uguale o superiore al 50% degli impegni totali. Occorre prevedere un realistico processo di set-up alla fine del progetto, la partecipazione attiva degli utenti finali per tutta la durata del progetto, nonché definire il segmento di mercato, i casi d’uso ed i target group ed affrontare i desideri e le esigenze di questi gruppi specifici.

SCADENZA – Presentazione di una proposta completa attraverso il sistema elettronico AAL prima della scadenza specificata nell’invito (30 Aprile 2013, alle 17.00 ).
La proposta dovrà essere presentata in lingua inglese.

CONTRIBUTO FINANZIARIO AI PROGETTI E TIPLOGIA DI COSTI AMMISSIBILI – Il contributo ai progetti viene erogato direttamente dal MIUR ai soggetti italiani partecipanti per coprire i costi totali eleggibili nelle seguenti percentuali:
-50% di fondo perduto per le attività di ricerca industriale
-25% di fondo perduto le attività di sviluppo sperimentale
Specificamente sono ammissibili: le spese di personale, i costi degli strumenti e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca; i costi dei fabbricati e dei terreni nella misura e per la durata in cui sono utilizzati per il progetto; i costi dei servizi di consulenza e dei servizi utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca; altri costi di esercizio.

ATTENZIONE: si precisa che le tipologie di costi ammissibili sono descritte nelle Nota esplicativa relativa al Decreto Ministeriale 2 Gennaio 2008 n. prot. GAB/4 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 22 maggio 2008 n.119) e disponibile on-line sul sito del MIUR all’indirizzo:
* D.M.: http://attiministeriali.miur.it/anno-2008/gennaio/dm-02012008.aspx
* Nota esplicativa: http://attiministeriali.miur.it/UserFiles/2829.pdf

NOTA BENE: con riferimento all’ammissibilità delle Spese Generali si precisa che è stata eliminata la possibilità di un riconoscimento forfettario delle stesse. La citata Nota Esplicativa dispone inoltre che:
* le spese generali sono considerate ammissibili a condizione che siano basate sui costi effettivi relativi all’esecuzione dell’operazione e che vengano imputate con calcolo pro-rata all’operazione, secondo un metodo equo e corretto debitamente giustificato
* le spese generali devono essere valorizzate in una percentuale del costo del personale che sia adeguatamente supportata dalla contabilità (generale e analitica)

ATTENZIONE: TRATTANDOSI DI UN PROGRAMMA CHE EROGA I FINANZIAMENTI SECONDO LA NORMATIVA NAZIONALE DEI SINGOLI PAESI ADERENTI AL PROGRAMMA GLI INTERESSATI SONO INVITATI A RIVOLGERSI AL PUNTO DI CONTATTO NAZIONALE PRIMA DELLA PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA (Ing. Luigi Lombardi email: luigi.lombardi@miur.it Tel. +39 06 9772 6469, web: http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ricerca/ricerca-internazionale/art169/aal).

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE
Per questa tipologia di programma è la presentazione delle proposte prevede una duplice istruttoria:

* istruttoria nazionale
* istruttoria europea

ISTRUTTORIA NAZIONALE

L’Università può partecipare ai progetti solo congiuntamente ad un soggetto industriale italiano, pena l’inammissibilità della proposta.

Per l’Italia il quadro normativo di riferimento è il seguente:
* Decreto Legislativo n. 297 del 27/07/1999
* Decreto Ministeriale n. 593 del 8/08/2000
* Decreto Ministeriale n. 4 del 2/01/2008 e relativa nota esplicativa del 15/05/08
* Procedure operative per la valutazione ed il finanziamento dei progetti selezionati dalle JTI ARTEMIS ed ENIAC e dagli art. 169 AAL ed Eurostars (28/08/2008)
* Guida per i proponenti italiani
* Il soggetto proponente
* il progetto

La documentazione citata è reperibile on-line ai seguenti indirizzi: http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ricerca/ricerca-internazionale/art169/aal

La documentazione aggiuntiva che i partecipanti italiani a progetti AAL devono compilare è composta da 4 moduli: 1. domanda, 2. dichiarazione del soggetto proponente, 3. dichiarazione di affidabilità economico finanziaria (non richiesta all’ Università), 4. tabella dei costi.
Tutti i moduli vanno stampati su carta intestata del richiedente e firmati in originale. Una copia scannerizzata dei moduli firmati deve essere inviata per e-mail al MIUR (agli indirizzialdo.covello@miur.it e lombardi.luigi@miur.it) entro la data di chiusura del bando internazionale.
I moduli originali cartacei dovranno essere inviati al MIUR soltanto quando richiesto dal MIUR stesso.

ISTRUTTORIA EUROPEA

Le proposte dovranno essere inviate tramite il sistema elettronico AAL prima della data di scadenza del bando. Seguirà alla presente eventuale nota esplicativa relativa alle modalità di compilazione dei moduli amministrativi.

Il testo del bando, la modulistica per la presentazione delle proposte e altre informazioni utili sono disponibili on-line all’indirizzo:
http://www.aal-europe.eu/get-involved/calls/call-6-supporting-occupation-in-life-for-older-adults/